Notizie, Sentenze, Articoli - Avvocato Cassazionista Trapani

Sentenza

OBBLIGAZIONI E CONTRATTI. Risoluzione del contratto per inadempimento. Eccezione di inadempimento (inadimplenti inadimplendum).
OBBLIGAZIONI E CONTRATTI. Risoluzione del contratto per inadempimento. Eccezione di inadempimento (inadimplenti inadimplendum).
Autorità:  Cassazione civile  sez. II
Data:  12 ottobre 2012
Numero:  n. 17478
Parti:  P.S.  C.  C.L.
In tema di eccezione "inadimplenti non est adimplendum", il giudice deve procedere ad una valutazione comparativa degli opposti adempimenti avuto riguardo anche allo loro proporzionalità rispetto alla funzione economico-sociale del contratto e alla loro rispettiva incidenza sull'equilibrio sinallagmatico, sulle posizioni delle parti e sugli interessi delle stesse, per cui qualora rilevi che l'inadempimento della parte nei cui confronta è opposta l'eccezione non è grave ovvero ha scarsa importanza., in relazione all'interesse dell'altra parte a norma dell'art. 1455 c.c., deve ritenersi che il rifiuto di quest'ultima di adempiere la propria obbligazione non sia in buona fede e, quindi, non sia giustificato ai sensi dell'art. 1460, secondo comma, c.c. (nella specie, relativa al mancato versamento da parte dell'acquirente del saldo per l'acquisto di un immobile del valore di oltre 300 milioni a fronte di vizi di circa 3.000 €, la Corte ha cassato la decisione dei giudici del merito, che avevano disposto la risoluzione del contratto, atteso che i giudici territoriali non avevano formulato apprezzamenti sulla proporzionalità tra ingente valore del contratto e importo dell'inadempimento contestato al venditore, non avevano riflettuto sull'equilibrio sinallagmatico, condizionato dalla circostanza che la promissaria acquirente era già da tempo nel possesso dell'appartamento, non avevano indagato sull'importanza dell'inadempimento, cioè sulla marginalità, o meno, dei difetti di costruzione ai fini del godimento del bene; non si erano chiesti, in definitiva, se l'esiguità delle somme richieste per le riparazioni potessero sostanziare una legittima reazione all'inadempimento o costituissero un espediente, adottato in mala fede, per sottrarsi alla stipula del definitivo e al versamento del residuo prezzo).
Avv. Antonino Sugamele

Richiedi una Consulenza