Lecito citare sentenze ed atti dei precedenti gradi di giudizio se funzionali a far comprendere i motivi del ricorso innanzi alle Superiori giurisdizioni.