Medico e professore universitario, viene condannato per peculato per essersi appropriato delle somme erogate dai pazienti nell’esercizio dell’attività intra moenia, riscosse senza rilasciare ricevute fiscali. Viene interdetto dai pubblici uffici per 5 anni e sospeso dal servizio che prestava presso l’Università di Pisa.