L' abuso di autorità cui si riferisce l'art. 609-bis, comma 1, c.p. presuppone una posizione di preminenza, anche di fatto e di natura privata, che l' agente strumentalizza per costringere il soggetto passivo a compiere o subire atti sessuali.